Type and Enter to Search

Turismo, Sapori e Cultura di Puglia e Basilicata

Luoghi del cuore Puglia Usi e costumi

L’ANTICO BORGO DI CISTERNINO TRA ORIGINI, STORIA ED ANTICHI RITI PROPIZIATORI

piazza cisternino

antico borgo cisterninoL’antico borgo Cisternino ha origini assai remote e risalgono al VII secolo d.C., epoca in cui alcuni monaci basiliani, sfuggiti alle persecuzioni iconoclaste in Oriente, si adoperarono per la rinascita dell’attuale centro storico della città.

Una testimonianza della presenza di un cenobio basiliano su questo territorio è data dalla scoperta, al di sotto della Chiesa romanica di San Nicola, dei resti di un piccolo tempio cristiano databile realisticamente intorno all’ VIII secolo d.C.

Il passato dell’antico borgo Cisternino

In passato, l’ingresso principale dell’antico borgo Cisternino era costituito dalla Torre Normanna-Sveva, sulla cui sommità è posta una piccola statua di San Nicola benedicente. chiesa di san nicola - cisterninoNelle vicinanze si erge maestosa la Chiesa di san Nicola, al cui interno si possono ammirare due sculture in pietra viva di Stefano da Putignano ed il tabernacolo della Madonna del cardellino.

Dalla Chiesa di San Nicola ci si perde tra vicoli stretti, piccole case imbiancate a calce, cortili, archi e balconi fioriti. Infatti, nel borgo antico è suggestiva l’osmosi tra spazi interni ed esterni, frutto di “una architettura spontanea” dettata da ragioni pratiche come il senso di comunanza e di aggregazione.

churrucheleIl centro abitato

A 3 km dal centro abitato di Cisternino, sorge il Santuario della Madonna d’Ibernia, a poca distanza da un precedente tempio pagano dedicato alla dea della fertilità Cibele.

Il dolce della tradizione

La tradizione vuole che il lunedì di Pasqua venga portato in dono alla Madonna d’Ibernia un dolce tipico pugliese, il chirrùchele, (a forma di borsetta con due uova sode per i bambini e a forma di bambola con un uovo sodo per le bambine) come facevano in passato i fanciulli pagani con la dea Cibele per propiziarsi la fecondità e l’abbondanza.

Link utili: www.doppiozerocisternino.it per assaporare un’ottima pizza realizzata con prodotti biologici

Pagina facebook la Locanda di zia Rosa per gustare i tradizionali piatti pugliesi

Mariaelena Grimaldi

Posted By

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’abbraccio di due terre: Puglia e Basilicata

Vi portiamo in posti meravigliosi,
ricchi di storia, arte e natura,
vi raccontiamo le nostre usanze,
il nostro cibo, la nostra cultura e tutte
le bellezze più intime delle nostre terre

Alessia e Valentina