Type and Enter to Search

Turismo, Arte, Cultura, Sapori e Tradizioni

Corsi Puglia

Corso “Impariamo a portare i bambini” a Bari

corso impariamo a portare i bambini
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Luana e LeonardoNel 1970 il biologo comportamentale Bernhard Hassenstein ha introdotto la definizione di cucciolo mammifero “portato”. Con il termine “portato”, ci si riferisce a cuccioli di mammiferi che vengono portati dai loro genitori vicino al proprio corpo. Inoltre, nell’ampia categoria dei “portati” si possono distinguere le due sotto-categorie dei “portati passivi” e “portati attivi”. I piccoli definiti come “portati passivi” hanno come habitat naturale il corpo della mamma che è dotata di un sacco per portare i cuccioli (ad es. i canguri). Mentre, i piccoli definiti “portati attivi” se da un lato hanno come habitat naturale il corpo della mamma, dall’altro sono caratterizzati anche dal fatto che si aggrappano attivamente alla pelliccia (o alla pelle nel caso della specie umana)della mamma.

Queste considerazioni iniziali mettono in evidenza quale sia l’obiettivo del corso “impariamo a portare i bambini”: sviluppare alcune competenze naturali dei genitori che, attraverso l’uso di supporti come la fascia porta-bambino (invece del marsupio o della carrozzina che implicano un distacco dal bimbo), riescono a trasmettere ai figli quella tranquillità e quel contatto importanti per la loro crescita. Nella nostra era, spesso si pensa che portare in braccio un bambino equivalga a viziarlo. Questa asserzione è senza dubbio errata. Infatti, ci sono varie teorie psicologiche, sottese da un fondamento scientifico, a sostegno del portare in braccio i piccoli e del “portare attivo”. Se in passato Freud, con la teoria della pulsione secondaria, sosteneva che il bambino si accostasse alla madre solo per mangiare e quindi lo stare in braccio rappresentasse solo una regressione per il bimbo, nel tempo, questa visione è mutata soprattutto grazie agli studi sull’attaccamento di Bowlby. Infatti, Bowlby ritiene che i bambini che non siano tenuti a contatto con figure di riferimento(i c.d. care giver) siano più insicuri, tendano ad ammalarsi e mettano in campo pochi comportamenti esplorativi. L’attaccamento, accanto al nutrimento, è una funzione autonoma degli esseri umani: la vicinanza ai care giver dà ai bimbi la sicurezza necessaria al loro sviluppo.

Durante il corso, che si terrà ad agosto presso l’organizzazione no profit Creattiva di Corso Benedetto Croce 29 a Bari, verranno illustrate le varie tecniche e i differenti supporti del “portare sicuro e fisiologicamente corretto”, adatti all’età di ogni bimbo. Per informazioni potete telefonare al 329-6116623 o inviare una mail a info@creattiva.org .

Il corso inizierà l’11 novembre alle ore 10,00 presso Creattiva, corso Benedetto Croce n°29 a Bari. Buon allenamento al portare!

Mariaelena Grimaldi


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Posted By

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guida alle vostre vacanze in Puglia e Basilicata

Siamo Alessia e Valentina,
autrici del blog ilsudchenontiaspetti.it.

Siamo le vostre personali
consulenti di viaggio
.

Organizziamo in ogni dettaglio le vostre vacanze in Puglia e Basilicata,

rispondiamo alle vostre domande e vi accompagniamo passo dopo passo nel vostro viaggio...

RICHIEDI INFORMAZIONI