Type and Enter to Search

Turismo, Arte, Cultura, Sapori e Tradizioni

Puglia Usi e costumi

Canti popolari pugliesi “Lu Sittaturu”

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lu sittaturu è il titolo di uno dei canti popolari pugliesi, del comune di San Vito dei Normanni, in dialetto (Santu Vitu), e fa parte delle serenate tipiche della zona. Ha una melodia a momenti lenta e struggente, a momenti forte e dura che rispecchia lo stato d’animo del protagonista del canto, a volte arrabbiato a volte addolorato per l’amore impossibile che vive. Stati d’animo contrastanti che nel momento di rabbia arrivano a pronunciare parole malevoli all’amata, come ad esempio che possa conficcarsi nel suo piede una spina che non la faccia camminare, ovvero non la faccia uscir di casa.

Lu sittaturu in dialetto san vitese sta ad indicare una sorta di sgabellino, sedia o qualsiasi cosa più o meno improvvisata sulla quale sedersi. L’innamorato si siede con “lu sittaturu” fuori dalla porta di casa in modo da poter controllare la sua amata.

C’è una versione dello “sittaturu” cantata come forma “di dispiettu” fra l’uomo fuori e la donna in casa, in cui le strofe si alternano tra i due protagonisti.

Lu sittaturu

Qua nn’anti m’agghia fa nu sittaturu
t’agghia uardà la notti
e t’agghia uardà la notti,
t’agghia uardà la notti
e lu giurnu puru.

Non agghiu ce ti to, nu cori tegno
ci ti lu tou a te
e ci ti lu tou a te,
ci ti lu tou a te senza rimagno.

Rit:
Ah, ah, ah tiavulu falla ttruppicà
cu na spina nta lu peti
cu no pozza caminà.

A mari vani tu a mari vegnu
ci vecu ca ti mieni
e ci vecu ca ti mieni,
ci vecu ca ti mieni iu mi ni tornu.

No so ti quinnicianni e tu mi vuei
timmi ti la mia vita,
timmi ti la mia vita,
timmi ti la mia vita ce n’ha fari.

Rit.

Il posto dove sedersi

Qui davanti mi voglio sedere
per guardarti la notte
e per guardarti la notte,
per guardarti il giorno
e la notte.

Non ho che darti, ho un cuore,
se lo do a te
e se lo do a te,
se lo do a te rimango senza.

Rit:
Ah, ah, ah diavolo falla inciampare
con una spina nel piede
che non la faccia camminar.

A mare vai tu e a mare vengo anch’io
se vedo che ti getti
e se vedo che ti getti,
se vedo che ti getti io me ne torno.

Non sono di quindici anni e tu mi vuoi
dimmi della mia vita,
dimmi della mia vita,
dimmi della mia vita che ne vuoi fare.

Rit.


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Posted By

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guida alle vostre vacanze in Puglia e Basilicata

Vi portiamo in posti meravigliosi,
ricchi di storia, arte e natura,
vi raccontiamo le nostre usanze,
il nostro cibo, la nostra cultura e tutte
le bellezze più intime delle nostre terre

Alessia e Valentina

#ilsudchenontiaspetti
This error message is only visible to WordPress admins

Error: No connected account.

Please go to the Instagram Feed settings page to connect an account.