Type and Enter to Search

Turismo, Arte, Cultura, Sapori e Tradizioni

Sud e dintorni

I piatti tipici della Versilia

caciucco viaggerino
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa volta ho lasciato la mia amata Puglia per trascorrere qualche giorno in una delle regioni più belle d’Italia, la Toscana, in particolare in Versilia. Oltre ad aver visitato luoghi meravigliosi e ad aver conosciuto tanta bella gente, una delle cose che ho particolarmente apprezzato sono stati i piatti tipici delle Versilia.

La Versilia è l’ultimo tratto della regione caratterizzata da un paesaggio davvero variegato: da una parte il mare, dall’altra la montagna e nel mezzo ettari ed ettari di floridi e generosi terreni.

Gastronomia in Versilia

Questo scenario ha profondamente influenzato la cucina e la gastronomia in Versilia, combinando piatti di terra a piatti di mare. Tuttavia, la costa versiliese, è particolarmente rinomata per il pesce azzurro come alici, sarde, aggiughe e sgombri. Non solo la Versilia è ricca di vongole, rombi, calamari, cicale, sogliole e triglie.

Per questi motivi, la cucina versiliese è stata per me, una gran bella scoperta. Voglio dunque condividere la mia esperienza culinaria, creando per tutti coloro che intendono passare alcuni giorni di vacanza in Versilia, una mini guida dei piatti tipici della zona.

Cosa mangiare in Versilia

Di seguito troverete alcuni tra i piatti tipici viareggini più rinomati, che io stessa ho avuto il piacere di degustare. C’è davvero l’imbarazzo della scelta. Ma iniziamo con un bel primo di pesce. Non ho potuto resistere alla tentazione di assaggiare gli spaghetti con i nicchi.

Spaghetti con i nicchi

Si lo so, vi starete sicuramente chiedendo cosa sono i “nicchi”. Anche io mi son posta la stessa domanda, ma il cameriere è stato così gentile da spiegarmelo. Vengono chiamatii “nicchi”, in viaggerino, ma altro non  sono che le buonissime telline, ovvero dei molluschi che potrete trovare nei fondali sabbiosi.

spaghetti con i nicchi

Gli spaghetti con i nicchi, sono molto simili ai rinomati spaghetti con le vongole che tutti noi conosciamo e proprio come gli spaghetti e vongole, è necessario far spurgare i nicchi in acqua e sale.

Una volta spurgati, far riscaldare dell’abbondante olio con uno spicchio d’aglio, aggiungere le telline e sfumare con del vino bianco. Una volta cotti gli spaghetti che abbiamo contemporaneamente messo a cuocere, terminare la cottura con le telline aggiungere del peperoncino, e per coloro che gradiscono anche del pomodoro fresco.

 

Caciucco alla viareggina

Passiamo ora ad un’altra specialità tipica viagerina, il caciucco, un piatto a base di pesce davvero gustosissimo. Il caciucco alla viareggina si prepara con

  • Pesce e molluschi (triglie, gallinelle, cicale, polipo, seppie, moscardini, palombo o gattuccio, tracina)
  • pane toscano;
  • salvia;
  • aglio;
  • cipolla;
  • vino rosso;
  • prezzemolo e peperoncino piccante fresco;
  • concentrato di pomodoro;
  • pomodoro pelato;
  • olio e sale.

Per preparare il caciucco per prima cosa prendere il pesce di dimensioni più grandi e tagliate a tocchetti, mentre i molluschi vanno tagliati a listarelle. Prendete poi due tegami. Nel primo mettere a riscaldare un po’ d’olio nel quale far soffriggere metà cipolla tritata, aglio e  salvia, attendere giusto il tempo di far appassire la cipolla, dopodiché, unire al trito seppie, polipo e moscardini, sfumare con un pochino di vino rosso ed infine aggiungere una parte dei pomodori pelati, una macinata di pepe e il concentrato di pomodoro diluito con abbondante acqua calda, circa un litro.

Far cuocere per circa un’ora.

Nel secondo tegame, far rosolare la restante cipolla tritata con dell’olio, unire i pomodori pelati rimasti sfumare con un pochino di vino ed aggiungere peperoncino tritato. Aggiungere i pesci rimasti e portare ad ebolizione per un quarto d’ora circa.

Finire la cottura mettendo i due preparati in un unico tegame. Aggiungere del prezzemolo fresco e salate a piacere.

Il cacciucco va servito rigorosamente con del pane, meglio se toscano.

 

La Cecina

In una pizzeria della zona, mi è stato consigliato di provare la “cecina”, una focaccia sottile tipica della versilia a base di farina di ceci ed altri semplici ingredienti come acqua, sale ed olio. La cecina va servita rigorosamente con del pepe.

la cecina

Il procedimento è molto semplice.

Prendere una ciotola nella quale mettere la farina mescolata al pepe nero. Iniziate ad aggiungere pian piano dell’acqua, per non far formare dei grumi mescolare con una frusta. Continuate ad aggiungere acqua ed un pochino d’olio. Quello che otterrete sarà una pastella molto liquida. È consigliabile far riposare almeno 30 minuti.

Per la cottura della cecina, immaginate di cuocere i famosi pancake. Prendete un tegame antiaderente, nel quale versare dell’olio. Far riscaldare leggermente l’olio dopodiché prendete una bella mestolata di pastella e versatela al centro degli stampi. Lasciate cuocere un lato alla volta, quando vedrete formarsi una crosticina dorata, a quel punto potrete girare la vostra frittella.

Quello che otterrete sarà una focaccia croccante all’esterno e morbida all’interno.

Spolverate con un pochino di pepe e servite.

 

Torta di Pepe

Un altro dei piatti tipici della Versilia che mi ha piacevolmente colpita è la torta di pepe, una specialità tipica della zona di Camaiore. Si tratta di una torta salata a base di riso, abbastanza piccante.

Se non avete tempo per preparare la sfoglia, va bene anche quella già pronta.

Per preparare il ripieno della torta occorrono:

  • riso;
  • pane ammorbidito in acqua;
  • bieta cotta;
  • parmigiano grattugiato;
  • pepe in abbondanza, circa 3 cucchiai;
  • pecorino;
  • uova;
  • latte;
  • prezzemolo;
  • sale;

Passiamo al procedimento, vi basterà lessare il riso con del pepe e del sale. Una volta cotto, lasciate raffreddare il riso.

piatti tipici della Versilia

Nel frattempo ammollate il paneraffermo nel latte. In una ciotola mettere il riso già freddo ed amalgamare insieme la bieta tritata, il parmigiano, il pecorino e il pepe. Strizzate per bene il pane ed unitelo al composto con le uova sbattute, salare a vostro piacere.

A questo punto adagiare la sfoglia in un tegame ed iniziate ad aggiungere il ripieno per la torta al pepe.

Infornare a 180° per circa 40/50 minuti.

 

Non avete l’acquolina? Vi consiglio davvero di provare queste specialità, ma i piatti tipici della Versilia sono davvero tantissimi, tutti molto particolari come i matuffi, spaghetti con coltellacci, la scarpaccia, tordelli versiliesi i biscotti Fortini e molto altro.


Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Posted By

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guida alle vostre vacanze in Puglia e Basilicata

Vi portiamo in posti meravigliosi,
ricchi di storia, arte e natura,
vi raccontiamo le nostre usanze,
il nostro cibo, la nostra cultura e tutte
le bellezze più intime delle nostre terre

Alessia e Valentina