Type and Enter to Search

Cosa Vedere: Turismo, Arte, Sapori e Cultura

Arte & Cultura Puglia Turismo

Il Castello Aragonese di Otranto, 15^ tappa del progetto Music Platform

Vista castello di Otranto

Il Castello di Otranto

E’ on line la 15^ puntata dei nostri amici di Music Platform. Un docufilm girato in una delle mete, punta di diamante del Salento, il Castello Aragonese di Otranto.

Realizzato in collaborazione con l’amministrazione comunale di Otranto, un altro protagonista del documentario, è il Dj, performer, scrittore e regista Daniele De Michele in arte “Don Pasta”. Don Pasta è stato invitato a prendere parte alla 15esima puntata del format, che ha fatto tappa nella Città dei Martiri, per dare vita a un inedito crossover di storie a ritmo di sonorità dub, hip hop e spiritual jazz.

Il Castello di Otranto e Don Pasta

Il video che segue, documenta un esclusivo live set tra vedute aeree, scorci inediti e dettagli incentrati sul maniero aragonese, da oggi disponibile anche sui canali social del progetto.

Dalle torri al bastione noto come Punta di diamante, ai sotterranei alla sala triangolare fino alla Cappella di Teresa di Azevedo: la visione del documentario è multisensoriale nella performance realizzata da Donpasta, alle prese con i fornelli e l’architettura del luogo.

Immagini inedite del Castello, del quale sono stati immortalati ed evidenziati particolari sorprendenti ai quali la maestosità e la magnificenza della struttura stessa, tolgono la scena.

Chi è Donpasta?

Ma veniamo a colui che ha un valore aggiunto davvero unico al progetto, firmato Music Platform: Donpasta. Donpasta è il nome d’arte di Daniele De Michele: una laurea in economia nel cassetto, dj e agitatore culturale che ama utilizza i linguaggi creativi per dar vita a un progetto denso e complesso sull’alimentazione.

Per farlo utilizza diverse combinazioni d’arte, la scrittura, la musica, happening, l’installazione, il cinema.

Ha dichiarato in un’intervista che:

Ho accolto l’invito di Music Platform perché mi è sembrato da subito molto interessante il loro approccio che unisce immagini e sperimentazione musicale:

la Puglia non potrebbe essere descritta diversamente, se non unendo questi due elementi

Sono nato e cresciuto a Otranto: qui ho iniziato a muovere i primi passi come dj, organizzavamo le prime feste, in cui le sonorità del reggae, del punk e dell’elettronica trasformavano il paesaggio con il loro carattere immaginifico. Questo background è stato fondamentale nella mia formazione ed ha rivoluzionato la mia idea di Sud insieme alla mia visione della musica, profondamente legata al paesaggio”. E a proposito del suo rapporto con la città aggiunge: “Ero particolarmente emozionato all’idea di poter suonare nei sotterranei del castello, oggi magnificamente restaurati. Ritornare qui per suonare e cucinare, per raccontare il mio vissuto come artista, mi ha riempito di gioia perché ha risvegliato in me ricordi di infanzia quando, da bambini, eravamo soliti nasconderci tra i suoi cunicoli”.

Esperienze

Ha all’attivo diverse pubblicazioni come Arturi Remix, la fortunata serie Food e Wine sound system data alle stampe da Kowalski editore, La Parmigiana e la Rivoluzione, e il più recente La Ballata di Circe. Ha realizzato serie tv, festival tematici e performance che lo hanno portato in giro per il mondo. Come giornalista scrive regolarmente per La Repubblica, Corriere della Sera, Left e Manifesto.

Ha presentato alle Giornate degli Autori della 75esima Mostra del Cinema di Venezia il documentario I Villani, un road movie che segue quattro personaggi, in dialogo con l’autore in materia di agricoltura, alimentazione e cucina familiare. Il film parla di cucina e paesaggio come patrimonio vivo di storie: una filosofia condivisa con Music Platform che attraverso la musica elettronica costruisce un’inedita narrazione del patrimonio storico-artistico e dei luoghi con cui interagisce.

Città di Otranto il Castello

Chi non ha ancora potuto ammirare Otranto ed il suo castello, ma anche per tutti coloro che hanno già avuto la possibilità di ammirarlo, questo video sarà un’occasione per guardarlo con altri occhi.

Tutto questo è stato possibile grazie alle avanzate tecnologie utilizzate che unite alla professionalità dello staff Music Platform, sono in grado di offrirci immagini e riprese di alta definizione e qualità.

Ma oltre ad una cura ineccepibile del montaggio, è stato condotto da parte dei ragazzi uno studio ed un lavoro scrupoloso per raccogliere curiosità, informazioni e notizie che aiutano a conoscere ed esplorare più da vicino la storia di questo meraviglioso pezzo di storia della bellissima Otranto.

Un’anteprima dai contenuti di valore che vi farà venire voglia di visitarla.

Aggiungetela tra le mete da visitare in Salento. Dopo aver visto questo video far tappa qui, sarà d’obbligo.

Il Castello di Otranto, immagini

Castello Aragonese di Otranto orari e prezzi

Potete visitare il Castello di Otranto tutti i giorni della settimana, dal lunedì alla domenica.

Per informazioni potrete contattare il numero di telefono 0836 210094, oppure, potete scrivere all’indirizzo di posta elettronica castelloaragoneseotranto@gmail.com

Orari di apertura: 

  • Dalle ore 10.00 alle ore 19.00 tutti i giorni (ultimo ingresso ore 18.30)

Costi visita al castello: 

  • Per gruppi da 12 persone o con convezioni, costo del biglietto intero 3.00 €, ridotto 2.00 €

Ingresso gratuito per:

  1. minori di 6 anni,
  2. minori di 18 anni in visita con i genitori;
  3. giornalisti muniti di con tesserino;
  4. diversamente abili e accompagnatore;
  5. guide accreditate con gruppo;

Costi visita ai sotterranei: 

  • Per gruppi minimo di 12 persone / convezioni, costo del biglietto intero 3.00 €, ridotto 2.00 €

COSTO CASTELLO + SOTTERRANEI 5.00 €

Ingresso gratuito per:

  1. minori di 6 anni,
  2. minori di 18 anni in visita con i genitori;
  3. giornalisti muniti di con tesserino;
  4. guide accreditate con gruppo;

Costi per visitatori senza riduzioni:

  • Sotterranei + castello: € 9.00 (ingresso gratuito ai minori)
  1. Visita guidata ai sotterranei 3.00 € (per la guida è consigliata la prenotazione)
  2. Visita autonoma al castello 6.00 € (comprende l’accesso alla mostra sulla storia di Otranto, Luoghi della prestoria e Grotta dei servi)

 

Posted By

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’abbraccio di due terre: Puglia e Basilicata

Vi portiamo in posti meravigliosi,
ricchi di storia, arte e natura,
vi raccontiamo le nostre usanze,
il nostro cibo, la nostra cultura e tutte
le bellezze più intime delle nostre terre

Alessia e Valentina