Type and Enter to Search

Turismo, Arte, Cultura, Sapori e Tradizioni

Sud e dintorni

Posti da visitare in Abruzzo, le mete più suggestive

posti da visitare in Abruzzo

Qualche settimana fa sono stata in Abruzzo per far visita ad una mia cara collega. Devo dire che questa regione mi ha lasciata piacevolmente sorpresa. Ci sono davvero molti posti da visitare in Abruzzo che in alcuni aspetti mi hanno ricordato la Basilicata. L’Abruzzo è una regione davvero diversificata dal punto di vista territoriale.

Non a caso lo stemma dell’Abruzzo è suddiviso in tre fasce: bianco, come le vette delle montagne innevate; verde come le sue colline e blu, come il mare.

Quelli in Abruzzo, sono stati due giorni davvero bellissimi, durante i quali, oltre ad aver visitato posti sorprendenti, ho avuto modo di assaggiare davvero molte specialità e prodotti enogastronomici abruzzesi quali i famosissimi arrosticini, le scrippelle, i bocconotti, le patate del fucino e molto altro. Ma veniamo al dunque, iniziamo il nostro tour alla scoperta delle mete d’Abruzzo più belle della regione.

trabucchi Abruzzi

Posti da visitare in Abruzzo

In Abruzzo è possibile ammirare scenari e paesaggi mozzafiato, parchi nazionali e riserve naturali, calanchi ed importanti massicci montuosi , chilometri e chilometri di spiagge, senza contare le tante bellezze artistiche ed i numerosi borghi di epoca medioevale e rinascimentale sparsi tra le colline abruzzesi.

Rocca Calascio

Una delle tappe che mi ha particolarmente colpita è Rocca Calascio, un posto magico, di straordinaria bellezza. Si tratta di una fortificazione medievale a 1.464 metri d’altezza, tutta fatta in pietra bianca immersa nel Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga.

Per poter raggiungere la rocca, è necessario percorrere delle piccole vie piuttosto tortuose che vi porteranno fino in cima. Durante il percorso ammirerete scenari unici e spettacoli mozzafiato. Non a caso questo luogo è stato scelto come set per girare il celebre film il “Nome della Rosa”.

Rocca Calascio

Santa Maria di Collemaggio

Tra i posti da visitare in Abruzzo c’è la maestosa Basilica di Santa Maria di Collemaggio a l’Aquila. Purtroppo nemmeno la basilica è stata risparmiata dal terremoto del 2009, ma, scrupolisi lavori di restauro hanno permesso di poter riammirare questo capolavoro. Santa Maria di Collemaggio fu costruita verso la fine del duecento per volere di papa Celestino V.

Grotte di Stiffe

Ci spostiamo nel comune di San Demetrio ne’ Vestini in provincia dell’Acquila, per visitare un altro luogo meraviglioso. Si tratta delle Grotte di Stiffe, simili alle “Grotte delle meraviglie della lucania” e proprio come quest’ultime, si tratta di grotte carsiche formatesi geologicamente circa 600.000 anni. È stato un percorso guidato davvero suggestivo, fatto di stalattiti e stalagmiti, ombre, corsi d’acqua piuttosto impetuosi. La temperatura all’interno della grotta è davvero molto bassa, dunque, vi consiglio di indossare abiti pesanti.

Grotte di stiffe

Lago di Scanno

Dopo le Grotte di Stiffe, eccoci giunti alla quarta tappa del mio tour in Abruzzo. Questo luogo mi ha lasciata a dir poco senza parole, non credo esista in Italia posto più romantico e magico del Lago di Scanno, definito la “Perla d’Abruzzo”.

Quel che rende così caratteristico questo specchio d’acqua è il suo perimetro a forma di cuore. Il lago è circondato da natura selvaggia ed incontaminata e si trova sull’Alta Valle del Sagittario.

Molto particolare è il borgo incantato di Scanno, caratterizzato da vicoli, botteghe artigiane e negozi ricchi di tradizione. Noterete che a far da padrona è l’arte orafa. In particolare, ancora oggi viene realizzata la cosiddetta “Presentosa”.

La Presentosa è uno dei simboli più identificativi di questa regione e risale probabilmente al settecento. Il suo nome è legato all’opera di Gabriele D’Annunzio, Il Trionfo della Morte nella quale questo gioiello viene descritto come “una grande stella di filigrana con in mezzo due cuori”.

Presentosa

Il nome Presentosa dal dialetto abruzzese presentenze, significa presentazione del fidanzamento. Secondo la tradizione, il gioiello veniva regalato dai suoceri alla futura sposa come pegno d’amore in occasione delle presentazioni dei rispettivi genitori.

La Presentosa è un ciondolo a stella caratterizzata da tanti triangoli disposti a cerchio, realizzato con una filigrana in oro non molto pregiato o in argento. Al centro possono esserci diversi simbogli, ognuno, con un significato diverso.

  • il cuore singolo viene donato dalla madre alla figlia in età da marito per indicare lo stato di nubile;
  • il doppio cuore simboleggiava invece l’impegno sentimentale della ragazza;
  • la nave veniva donata dal padre o dal suocero alla sposa nel giorno delle nozze, per indicare l’inizio del viaggio verso una nuova vita;
  • la colomba viene donata alle bambine in occasione della Prima Comunione.

Le sorprese qui in Abruzzo non sono di certo finite. Si prosegue per Roccamorice, un comune di circa 900 persone in provincia di Pescara. Qui ho visitato l’Eremo di San Bartolomeo in Legio. Si tratta di una cavità letteralmente scavata all’interno di uno sperone roccioso. Un luogo lontano dalla frenesia e dalla mondanità. Vi circonderete di pace, natura e aria pulita.

Proprio come la Basilicata, anche in Abruzzo è possibile ammirare la Riserva Naturale Regionale dei Calanchi. Situati nel comune di Atri, in provincia di Teramo, i calanchi si estendono per 380 ettari.

Riserva Naturale Regionale dei Calanchi

In apparenza aridi ed inospitali, rappresentano invece un’ , che ospita, tantissime specie animali come volpi, tassi, rospi, istrici, donnole, gufi e allocchi. Oltre a molte specie animali vi sono anche molte specie vegetali quali piante di liquirizia, gladioli selvatici, ginestre e tamerici. I calanchi abruzzesi sono il luogo giusto per tutti gli amanti del trekking.

Alba Fucens

Ultima tappa di questi due giorni di vacanze in Abruzzo è stata Alba Fucens, antica città romana ai piedi del Monte Velino. Si tratta di una città circondata da una cinta muraria di tre chilometri, ad oggi perfettamente intatta.

Non molto distante da Alba vi è un luogo ancora poco conosciuto. Sto parlando della Chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta a Rosciolo.
La chiesa risale al 1080, tuttavia, la struttura ha subìto numerosi restauri che ne hanno modificato in parte l’aspetto originale. Ad essere rimasta intatto è solo il braccio destro della chiesa. Le opere più importanti, l’ambone e il ciborio, risalgono al XII sec. realizzate dagli artisti Roberto e Nicodemo.

paesaggi Abruzzi

Questa è ancora una terra tutta da esplorare. Mi piacerebbe ritornare per scoprire altri posti da visitare in Abruzzo.

Posted By

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guida alle vostre vacanze in Puglia e Basilicata

Vi portiamo in posti meravigliosi,
ricchi di storia, arte e natura,
vi raccontiamo le nostre usanze,
il nostro cibo, la nostra cultura e tutte
le bellezze più intime delle nostre terre

Alessia e Valentina